Aggiornamento

Ya

Aggiorniamoci un po’.

La Gran Bretagna ha scoperto nuovamente aerei militari russi sui suoi cieli.  Lo comunica il Ministero degli Esteri inglese, precisando che gli aerei, due Tu- 160, sono stati identificati ed allontanati da aerei caccia Typhoon.

Il Ministero degli Esteri svedese ha rivolto una formale richiesta di spiegazioni alla Federazione Russa tramite il suo ambasciatore relativamente alle “conseguenze” che comporterebbe da parte russa l’adesione svedese alla Nato. Il Ministro Margot Valström ha dichiarato che si tratta di minacce inaccettabili, che la Svezia è un Paese indipendente e che ha il diritto di decidere autonomamente della propria sicurezza nazionale.

In Kazakhstan sono iniziati i festeggiamenti ufficiali per i 550 anni dalla fondazione dello Stato kazakho, con una cerimonia alla quale hanno preso parte anche i presidenti dell’Azerbaijan e del Turkmenistan. Interessante ricorrenza, visto che Putin ha recentemente dichiarato che uno Stato kazakho non è mai esistito.

Lo speaker del Parlamento ucraino ha dichiarato che attualmente i militari russi regolari presenti nel Donbas sono 30.000.

E infine un altro ritorno al passato. Il primo ministro ucraino Arsenij Yatsenyuk è accusato da Mosca assieme ad altri politici ucraini di aver combattuto in Cecenia contro le forze russe. La notizia ha fatto scatenare i commenti sui social. Nessuno ce lo vede questo avvocato ed economista con gli occhialetti e la faccia da topo di biblioteca né in tuta militare, né con la barba e il turbante da talebano. Ma, a parte questa mancanza di “phisique du role”, il fatto è che in Cecenia lui non c’è stato. La sua vita è ben nota e non comprende nessuna attività da guerrigliero, né in Cecenia, né altrove.

Nato a Chernivci nel 1974 da genitori ebrei ucraini, il nostro Arsenij dal 1992 al 1996 studiava diritto presso la locale Università, passando poi a studiare economia presso l’Istituto di Economia e Commercio della sua città e poi presso l’Istituto Nazionale di Economia e Commercio di Kiev nel 2001. Era anche occupato professionalmente presso l’ufficio legale “Jurek s.n.c.”, situato a Chernivci prima e presso la banca “Aval” a Kiev poi. Tutto ciò prima di diventare Ministro dell’Economia della Repubblica autonoma della Crimea, prima, e presidente della Banca Nazionale d’Ucraina, poi.

Ad accusarlo, come rivela l’organizzazione “Otkritaya Rossia”, ovvero “Russia aperta”, di Mikhail Khodorkovskij, oppositore di Putin, è un personaggio assolutamente inattendibile, Aleksandr Malofeiev, condannato in Russia nel 2013  a 23 anni di prigione.  Quando, nel dicembre di quell’anno i russi erano alla ricerca di ucraini che negli anni tra il 1994 e il 2000 avessero combattuto in Cecenia, “pescarono” questo Malofeiev nella colonia penale a regime duro   dove stava scontando la sua lunga pena detentiva. E Malofeiev dal marzo 2014 ha iniziato a “confessare” di aver incontrato il leader ucraino e altri personaggi dell’attuale governo e di partiti politici di Kiev  quando combatteva in Cecenia. Sulla base della sua testimonianza è stato aperto in Russia un procedimento penale contro Yatsenyuk e gli altri.

Che la vita di Yatseniuk essendo  personaggio pubblico sia facilmente controllabile e l’accusa facilmente smentibile non ha nessuna importanza. La storia dell’Unione Sovietica ha visto centinaia, migliaia di processi contro esponenti politici “non più graditi” basati su testimonianze assurde, quando non addirittura su auto-accuse estorte con la violenza fisica o psicologica. Fu l’epoca dei grandi processi dell’epoca di Stalin. Ritorno al passato, appunto.

http://112.ua/mir/britaniya-vnov-perehvatila-dva-rossiyskih-bombardirovshhika-257843.html

http://112.ua/mir/mid-shvecii-vyzval-posla-rf-iz-za-zayavleniy-o-posledstviyah-vozmozhnogo-vstupleniya-shvecii-v-nato-257807.html

http://112.ua/mir/v-kazahstane-nachalis-prazdnovaniya-550-letiya-gosudarstvennosti-257819.html

http://www.pravda.com.ua/rus/news/2015/09/11/7081000/ 

https://it.wikipedia.org/wiki/Arsenij_Jacenjuk

http://www.pravda.com.ua/rus/news/2015/09/11/7080943/

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *