Chernobyl sottomarina?

Intanto è notizia ufficiale in Norvegia.

Il sommergibile nucleare russo “Komsomoletz”, affondato nel Mare Artico nel 1989, sta disperdendo radioattività. Il livello in un campione d’acqua del tubo di ventilazione è di 100.000 volte superiore alla norma, secondo le analisi condotte da ricercatori norvegesi e russi.

Già una spedizione di più di dieci anni fa aveva rilevato una dispersione di radioattività e il relitto del sommergibile era monitorato.

Un sito ucraino aggiunge che, secondo i russi, la situazione era da considerare sicura, visto che lo scafo è l’equivalente del “sarcofago” costruito attorno al reattore numero 4 della centrale nucleare di Chernobyl, e la causa dell’aumento della radioattività dipenderebbe dall’intervento degli stessi scienziati norvegesi che ha reso non più ermeticamente isolato lo scafo.

https://podrobnosti.ua/2306910-ogromnyj-radiatsionnyj-fon-uchenye-issledovali-zatonuvshuju-podvodnuju-lodku.html

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *