Jamala, tatara di Crimea, ucraina

images

L’Ucraina ha vinto sulla Russia a Stoccolma con la canzone di  Jamala che ha raccontato al mondo – a  200 milioni circa di spettatori – l’impossibilità dei Tatari di Crimea di vivere in pace nella propria patria

Il duello finale per la vittoria nell’Eurovision è stato proprio tra Ucraina e Russia. Ed una sconfitta, anche solo per una canzone, non può non dare fastidio a Putin, cui già irritava il fatto stesso che quella canzone fosse stata ammessa e fosse arrivata in finale (sui tentativi di far eliminare la canzone “Dissensi di colpa”),

Una canzone che parla di una sua colpa storica del suo Paese e sua. E di cui oggi si parlerà su tutti i giornali del mondo, in tutte le televisioni del mondo. Brutta pubblicità. 

“1944” rimanda all’anno in cui  Stalin deportò in due giorni l’intero popolo nelle steppe del Kazakistan, accusandolo di collaborazionismo con i nazisti che avevano ocupato l’Ucraina. Accusa assurda. Quella che veniva deportata era solo una parte del popolo tataro, le donne, i bambini, i vecchi. Tra questi c’era anche la nonna di Jamala con i suoi figli. Gli altri, i giovani e tutti gli uomini validi stavano combattendo come soldati dell’Armata rossa contro i nazisti. Tra questi anche il nonno di Jamala. Durante il viaggio, stipati per giorni e giorni in carri bestiame sprangati, moltissimi deportati morirono. Altri morirono all’arrivo per gli stenti e l’ambiente ostile. Dei soldati ne tornarono pochi e finirono nel gulag.

La canzone continua con versi al presente, la storia dei tatari pare ripetersi. Dopo l’annessione alla Russia nel 2014, annessione che molti paragonano all’annessione dell’Austria e dei Sudeti da parte di Hitler nel 1938, molti Tatari sono fuggiti in Ucraina Gli altri non possono più uscire dalla Crimea russa e vengono sottoposti a vessazioni, a violenze, a processi infondati, tanto che il Consiglio d’Europa è intervenuto più volte a proposito della violazione dei diritti umani nei loro confronti.

Che brutta pubblicità per Putin! Una tatara ucraina ed ha pure vinto…

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *