Pobeda! Vittoria!

vittoria

Si avvicina il 9 maggio, giorno delle celebrazioni per la vittoria dell’Unione Sovietica sulla Germania nazista nella II Guerra mondiale. La data è sempre stata celebrata con grande enfasi, grandi parate militari e coinvolgimento della popolazione. Anche se l’Occidente se ne è spesso dimenticato attribuendo la vittoria su Hitler solo agli Alleati – Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia -, il ruolo dell’Unione Sovietica fu essenziale, impegnando sul fronte orientale una grossa parte della potenza militare nazista. Il costo in vite umane fu enorme, oltre 20 milioni sul totale di circa 35 milioni di vittime in Europa. Percentualmente rispetto alla popolazione i più colpiti furono i bielorussi, poi gli ucraini, quindi i russi.

Quest’anno Putin ha puntato sulle celebrazioni per i 70 anni dalla vittoria per dimostrare la ritrovata grandezza della Russia e per esaltare il vincitore di allora, Stalin, l’uomo che fece più vittime tra i cittadini sovietici di quanti ne fece la guerra mondiale, tra guerra ai contadini, holodomor ucraino e Gulag. Alle manifestazioni ufficiali aspetta la presenza dei capi di Stato di mezzo mondo.

E però in molti hanno già declinato l’invito e altri hanno assicurato una rappresentanza di basso livello. Hanno rifiutato di partecipare il presidente Obama, il primo ministro inglese Cameron, il presidente francese Hollande, la cancelliera tedesca Merkel, il presidente italiano Mattarella.  Ovviamente non ci andranno i presidenti della Lettonia, dell’Estonia e della Lituania, della Norvegia, della Polonia e della Slovenia, nonché il presidente dell’Unione Europea Tusk. Ma non ci andranno nemmeno il presidente della Moldova, che vorrebbe vedersene andar via dal suo territorio gli osservatori di pace russi – chi ce li ha mandati? -, e forse nemmeno Lukashenko, il presidente bielorusso, che continua a ripetere che il suo Paese non sarà mai parte della Russia – preoccupazione assurda la sua?-.

http://www.pravda.com.ua/rus/news/2015/04/1/7063314/

http://podrobnosti.ua/2026143-belarus-nikogda-ne-stanet-chastju-rossii-lukashenko.html

http://podrobnosti.ua/2025842-moldova-trebuet-vyvoda-rossijskih-mirotvortsev.html

 

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *