Qualcosa da dire

aereo

Il livello dell’informazione italiana è tale che certo non ci si può stupire del silenzio quasi assoluto sull’Ucraina e più in generale su quello che l’aggressione russa sta provocando nell’Europa del Centro-Est. Eppure di notizie su cui costruire degli articoli giornalistici ce ne sono tanti che il difficile è la scelta.

Limitandosi all’Ucraina ci potrebbero aggiornare sui dati della guerra, oltre 4.000 morti, 30.000 feriti di guerra negli ospedali ucraini.

Oppure potrebbero raccontarci di quello che succede tra chi combatte: tra i soldati russi l’entusiasmo per andare a combattere nel Donbass non è alto e, anzi, il malcontento è tale da far cominciare a parlare di possibili sollevamenti, di insurrezioni contro Putin. Magari anche a causa dei camion carichi di soldati morti riportati in patria.

Dall’altra parte, tra gli Ucraini filo-ucraini del Donbass occupato si cominciano ad organizzare spontaneamente piccoli gruppi di partigiani che vogliono mandar via gli occupanti. E tra loro vi sono anche alcuni che prima sono stati sostenitori delle autoproclamatisi repubbliche di Lugansk e di Donetsk e che hanno combattuto accanto ai russi.

E tra gli Ucraini filo-russi del Donbass, quelli che si sono rifugiati in Russia e che sono stati sistemati nelle regioni del Nord, pure cresce il malcontento: una settantina di loro, ad esempio, collocati in Iakuzia, hanno deciso che la prospettiva dell’inverno a -40 gradi, la temperatura di questi giorni, non li alletta molto, e che vorrebbero o essere spostati in altre zone della Russia o ritornare in Ucraina.

Quanto al malcontento dei Russi, basta seguire la discesa del rublo, per capire che umori tirano, non solo tra la gente qualunque, ma pure tra gli oligarchi che siedono nella Duma, ai quali una recente legge di Putin blocca gli stipendi.

E, per finire, non si sorride nel resto dell’Europa, sapendo che nei propri cieli viaggiano senza comunicazione di rotta bombardieri russi invisibili ai radar, ma visibilissimi per chi rischia di vederseli venire addosso, come è successo al pilota di un aereo di linea norvegese che il bombardiere l’ha sfiorato di solo una ventina di metri.

Noi in Italia viviamo tranquilli. Il problema è se Renzi, se i 5Stelle, se Salvini, se…  Paese felice!

Военные России готовы поднять восстание против Путина http://podrobnosti.ua/accidents/2014/11/30/1005323.html

Партизанские отряды украинцев активизировались на Донбассе http://podrobnosti.ua/accidents/2014/12/03/1005769.html

http://112.ua/obshchestvo/bezhency-iz-ukrainy-pokidayut-yakutiyu-iz-za-silnyh-morozov-154527.html

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *