Situazione

guerra

Qualche aggiornamento.

I rappresentanti dell’Ocse hanno dichiarato che la situazione bellica nel Donbass sta peggiorando. Contro l’esercito ucraino vengono utilizzate dai separatisti e dai russi armi vietate dagli accordi di Minsk.

Il numero dei militari ucraini caduti nella guerra, secondo i dati ufficiali del Ministero degli Esteri, ha raggiunto la cifra di 2.500.

 580.000 i bambini sfollati e, sempre secondo i dati ufficiali,  50 i bambini vittime dirette delle azioni di guerra.

A Mosca la manifestazione ad un anno dall’assassinio di Boris Nemtsov, ucciso su un ponte non lontano dal Cremlino, ha visto la partecipazione di migliaia di persone: 7.500 secondo la polizia, 25.500 secondo gli organizzatori. Durante la marcia alcuni gruppi di partecipanti hanno intonato l’inno nazionale ucraino.

L’esercito ucraino ha ripreso il controllo della cittadina di Shirokino dalla quale i russi si sono ritirati lasciando sul campo armi e munizioni. Pare che l’abbandono delle posizioni sia stato dovuto al mancato pagamento della paga. Le armi abbandonate sono, ovviamente, di fabbricazione russa.

Alcune città della Crimea sono di nuovo senza energia elettrica. La Russia non riesce a garantirne la fornitura con regolarità. Persino i comunisti della penisola protestano dicendo che le condizioni di vita sono peggiorate  e definiscono “genocidio” la situazione  dopo l’annessione della penisola alla Russia, annessione che ha portato all’aumento dei prezzi e della disoccupazione.

L’Estonia ha devoluto una somma di danaro in aiuto dei Tatari di Crimea.

 

http://podrobnosti.ua/2092897-v-obse-vstrevozheny-obostreniem-konflikta-na-donbasse.html

http://podrobnosti.ua/2092231-estonija-vydelila-3-mln-griven-nazaschitu-prav-krymskih-tatar.html

http://www.pravda.com.ua/rus/news/2016/02/29/7100705/ 

https://focus.ua/country/345112/

http://112.ua/mir/v-moskve-zavershilsya-marsh-pamyati-nemcova-294791.html

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *