Tanto per mettere i puntini sulle “i”

Il 21 aprile il presidente russo, Vladimir Putin, ha comunicato di aver firmato la legge che riabilita i Tatari e gli altri popoli della Crimea vittime delle repressioni di Stalin.

Mustafà Gemilev, capo del Megilis dei Tatari di Crimea, commenta:

“Della riabilitazione da parte della Russia noi non abbiamo alcun bisogno. E’ la Russia che deve riabilitarsi dinanzi a noi per il vero e proprio crimine del 1944. Come mai decidono di fare questa legge proprio adesso, dopo aver occupato il nostro territorio? Avrebbero dovuto riconoscere quella deportazione come un crimine, provvedere a tutto il necessario per il nostro ritorno e rimettere i Tatari di Crimea nei loro territori, subito dopo la proclamazione della Federazione Russa nel 1991.”

podrobnosti.ua

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *