Tornare alla casella di partenza

images (61)

Lui, l’ufficiale russo Strelok – Ghirkin, sta sempre lì ad organizzare la guerra nelle regioni orientali ucraine a smentita evidente dell’affermazione che la Russia non c’entra assolutamente nulla con quanto avviene in Ucraina, come spudoratamente sostiene Putin.

Bugie che la sua propaganda continua a propinare anche all’interno della Russia.

Ecco un episodio segnalato da un giornalista ucraino, Roman Bochkala, che ha fatto una serie di reportage nella zona in cui si combatte. In particolare, ha filmato un arsenale di armi russe, i lanciafuoco “Shmel“, che hanno in dotazione solo i russi, i fucili di precisione Dragunov, che esistono solo in Russia.

Ma nel suo servizio riproposto dalla televisione russa queste immagini sono state commentate come commissionate direttamente dal Presidente del Consiglio di Sicurezza Nazionale ucraino, Andrii Parubiy. In definitiva, come propaganda ucraina.  Bochkala si chiede se può ancora chiamare “colleghi” i giornalisti russi, che si sono prestati a contraffare il suo servizio.

Commento: Vi rimandiamo alla prima notizia pubblicata in questo blog, “Cucusettete”, una storiella  ancora attuale, che farebbe ridere di più se non fosse per il numero di morti che sta crescendo giorno dopo giorno, tra gli uomini armati e tra la popolazione civile.

fonti: http://podrobnosti.ua/podrobnosti/2014/07/02/983093.html

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *